Tecna - R&D Diagnostics - Biotechnology | Food safety in your hands
IT | EN

 

Novità

In Unione Europea il miele dovrebbe essere privo di residui di antibiotici e sulfamidici

12 Gennaio 2012

Cresce la richiesta di kit immunodiagnostici broad-range per la determinazione di intere classi di farmaci negli alimenti e nei mangimi.
I’Screen SULFA: nuovo kit ELISA per la rilevazione quantitativa di 15 sulfamidici. Il kit è stato validato per latte, muscolo suino e bovino, uova, miele e mangimi.

I sulfamidici costituiscono una famiglia di antibiotici sintetici largamente impiegati nella pratica veterinaria per il trattamento di infezioni batteriche e protozoarie, nonché come promotori della crescita quando aggiunti ai mangimi. Di conseguenza, alcuni residui possono essere presenti negli alimenti di origine animale, e provocare, nei consumatori esposti, fenomeni di nefro- ed epato-tossicità, reazioni allergiche e selezione di ceppi batterici resistenti. In Unione Europea, negli Stati Uniti ed in Canada, il massimo limite residuale (MRL) per la somma di tutti i sulfamidici è di 100 μg/Kg nei tessuti edibili e nel latte, mentre l’impiego di tali antibiotici è proibito per il trattamento di animali per la produzione di uova. Non vi sono, infine, limiti nel miele. In risposta alla crescente necessità di disporre di metodi di screening multiresiduali per la rilevazione contemporanea di più sulfamidici, il nostro laboratorio di Ricerca ha sviluppato e validato un nuovo kit ELISA per la determinazione quantitativa dei quindici sulfamidici più comuni nella carne, nel miele, nel latte e nelle uova. Per ogni matrice sono state messe a punto due procedure di preparazione del campione, una più sensibile ed una senza impiego di solventi, per offrire all’analista la possibilità di scegliere tra una preparativa “high sensitivity” ed una “solvent-free”. Anche per i mangimi è stata validata una metodica di preparazione, validata a quattro mani con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Umbria e delle Marche. La validazione di ciascuna preparativa è stata condotta in accordo con la normativa Europea vigente e si è focalizzata sulla verifica della sensibilità di ciascun metodo per almeno uno dei cross-reagenti peggiori. In questo modo, è possibile assicurare sensibilità maggiori per tutti i sulfamidici con cross-reattività più elevata. La scheda prestazioni contenente il dossier di validazione per ciascuna matrice è disponibile a richiesta. Contattate l’assistenza tecnica all’indirizzo servizioclienti@tecnalab.com per ottenere maggiori informazioni.